Alta Val Varaita

Pontechianale

 

Oggi è il 24 giugno, è lunedì ma qui a Torino è anche la festa di San Giovanni, per cui al lavoro si fa mezza giornata.

Il sole splende, anche se c’è un po’ di vento e qualche nuvoletta sparsa, però noi siamo andati a lavorare direttamente in monto per uscire e passare un pomeriggio in giro.

La destinazione è la Val Varaita e nello specifico il comune di Pontechianale.

il lago artificiale di Pontechianale

Il lago aritificiale di Pontechianale

 

[googlemap width=”600″ height=”400″ src=”https://maps.google.it/maps?saddr=Via+Tevere,+19,+Pianca+TO&daddr=Pontechianale+CN&hl=it&ll=44.566624,7.284622&spn=0.093925,0.154324&sll=44.611979,7.396545&sspn=0.75081,1.234589&geocode=FUforgIdgcBwACklDEjnGzmIRzEx-3fm8EAT7A%3BFfvdqAIdBUxrAClPgLvHw9nMEjF30u4zVQmoVw&oq=trana&mra=ls&t=m&z=13″]

 

La Val Varaita è una bella scoperta, partendo da Costigliole Saluzzo (uscita Marene della A6 Torino-Savona) si snoda una strada che corre lungo il torrente Varaita, in mezzo al verde dei boschi e costeggiando alcuni bei paesini.

lei

verso il bar lungo lago

La strada è in buone condizioni, l’aria è fresca, il sole caldo, incrociamo molti motociclisti che salgono e scendono. La strada è non troppo tortuosa, ha 5 o 6 tornanti poco impegnativi e il paesaggio è magnifico.

moto

Nel parcheggione di Pontechianale

Passiamo attraverso dei bei paesini a cui varrebbe la pena dare una occhiata come Casteldelfino, Sampeyre e Melle.

I monti alle spalle del paese

I monti alle spalle del paese

Arrivati in cima si raggiunge Pontechianale che forse non è caratteristico come i precedenti ma, dal punto di vista paesaggistico è veramente notevole: incastonato sotto le montagne, si trova sulla riva di un laghetto artificiale generato dalla costruzione di una diga.

io

fa un po’ tamarro ma altrimenti io non compaio mai!

Il posto è delizioso e sul lago c’è un simpatico bar che ci fornisce una birra locale aromatizzata al Genepy, decisamente da provare. (un lettore ci ha però segnalato che la birra in questione è in realtà prodotta in provincia di Trento e poi spacciata come birra locale. Lo abbiamo verificato e sembra essere proprio così)

birra

una buona birra prodotta in zona, aromatizzata al genepy

Dopo esserci ripresi un po’ e anche abbrustoliti un’oretta al sole, ripartiamo per tornare a casa con un viaggio di un paio d’ore (dato che abbiamo evitato l’autostrada) che ci riporterà indietro con il fondoschiena un po’ provato.

 

 

2 Comments
  1. Correggo: la birra mistral (nonostante il nome) non è una birra prodotta in zona ma in Trentino, poi spacciata come artigianale locale!

  2. Ciao, grazie per la precisazione. A nostra discolpa posso dire che, stando al sito della casa produttrice: http://www.birramistral.it/ la sede della società distributrice sembrerebbe stare a Cuneo. In effetti indagando maggiormente abbiamo rilevato altre segnalazioni dalle quali si capisce come la birra sia in realtà prodotta in provincia di Trento (!!!). Mannaggia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *