Lago Maggiore e lago d’Orta

Domenica mattina d’agosto, siamo spiaggiati ai tavolini del bar in val Sangone che prendiamo caffè e brioche, siamo scesi in moto e vorremmo approfittarne per fare un giretto.

la zavorrina guarda estasiata il lago

la zavorrina guarda estasiata il lago

Dove si va, ci chiediamo, perchè non andare in montagna, o forse nelle langhe o nel momferrato alla ricerca di qualche castello da visitare….

Alla fine ci mettiamo in viaggio senza una meta precisa ma solo con voglia di andare e basta. Arrivati al casello della tangenziale cominciamo a scartare le mete vicine perché in fondo sotto sotto restiamo due zingari a motore e ogni viaggio non è un viaggio se non ti porta lontano, in un bel posto, dove non conosci nessuno e nessuno ti conosce.

Quindi via a tutto gas in autostrada in direzioni lago Maggiore per goderci la giornata di sole, pranzare in riva al lago, salutare gli altri motociclisti sul lungo lago e fare finta di essere in vacanza!

L’autostrada ovviamente è noiosissima e interminabile ma poi usciamo a Novara est e troviamo i cartelli per il lago e tutto cambia dimensione, il verde si fa più intenso e più fresco, le colline si alzano e diventano quasi montagne, la strada si fa più tortuosa e le moto aumentano decisamente di numero.

panorama lacustre

panorama lacustre

La strada lungo lago è molto bella, attraversa bei paesi e affaccia quasi per tutto il tragitto sul lago. I paesini si susseguono con i loro imbarchi per le isole e i loro ristoranti con i tavoli vista lago.

Scegliamo la simpatica località di Baveno per fermarci a mangiare qualcosa. Ovviamente il rapporto qualità prezzo non è esaltante vista la stagione estiva e la località turistica..

quando si mangia?

quando si mangia?

Finito il pranzo ripartiamo per raggiungere la punta ovest del lago e prendere la direzione di Gravellona per poi ridiscendere dal lato orientale del lago d’Orta che è meno turistico ma comunque affascinante.

Anche qui la strada è piacevole e il traffico un po’ ridotto rispetto al lungo lago precedente.

imbarcadero di Baveno

imbarcadero di Baveno

Il giro improvvisato si chiude poi a Novara dove riprendiamo l’autostrada. In tutto siamo stati in giro circa 8 ore pranzo compreso, tutto sommato è una gita fattibile in giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.